"Non bisogna solo essere onesti, ma apparire onesti. E c’è un equivoco di fondo: si dice che quel politico era vicino alla mafia, che quel politico era stato accusato di avere interessi convergenti con la mafia, però la magistratura, non potendone accertare le prove, non l’ha condannato, ergo quell’uomo è onesto… e no! [...] Questo discorso non va, perché la magistratura può fare solo un accertamento giudiziale. Può dire, be’ ci sono sospetti, sospetti anche gravi, ma io non ho le prove e la certezza giuridica per dire che quest’uomo è un mafioso. Però i consigli comunali, regionali e provinciali avrebbero dovuto trarre le dovute conseguenze da certe vicinanze sospette tra politici e mafiosi, considerando il politico tal dei tali inaffidabile nella gestione della cosa pubblica. Ci si è nascosti dietro lo schema della sentenza, cioè quest’uomo non è mai stato condannato, quindi non è un mafioso, quindi è un uomo onesto!”. (Paolo Borsellino)

domenica 1 settembre 2013

Nove settembre

Ci lasciamo alle spalle un mese di agosto che ha dell'incredibile.
Minacce di guerra vengono dal mondo. In Siria infatti sta per consumarsi l'ultimo atto di una serie di trasgressioni che da anni hanno insanguinato il Paese e che, Dio non voglia, porteranno ad una guerra dagli esiti imprevedibili, come tutte le guerre. L'America, come sempre, sotto i panni dell'alfiere della pace, nasconde i panni feroci del conquistatore senza scrupoli. E' un peccato che in questi panni, questa volta, ci sia Obama, un uomo che molti di noi avevano salutato come nuovo e che invece ha dimostrato di non essere molto diverso da chi lo ha preceduto. Questo, se ce ne fosse ancora bisogno, ci dimostra come non sono le persone che dovrebbero fare la storia, ma le idee portate a spalla dalla gente.
In Italia, come negli ultimi vent'anni, le sorti della nazione sono appese al destino di un uomo solo. Un pregiudicato, condannato per un reato odioso come la frode fiscale, un uomo delle istituzioni che ha gabbato i propri elettori, i quali continuano a stargli dietro e a perdonarlo. E questo nonostante politicamente abbia fatto errori madornali e si sia sottoposto a grossolane contraddizioni. Come l'approvazione di leggi che poi si sono rivelate incostituzionali. O il fatto che in più occasioni ha fatto approvare leggi contro le quali poi si è schierato per la loro abrogazione: parlo della legge sull'IMU, voluta dal suo governo, o della legge anti-corruzione, contro la quale oggi tuona per una presunta illegittimità, infine le leggi sulle droghe leggere e sull'immigrazione, volute dai suoi governi e contro le quali ieri ha firmato i referendum abrogativi.
Il giorno 9 settembre sarà il d-day, nel mondo si deciderà per l'attacco alla Siria e forse per l'inizio della terza guerra mondiale, che porterebbe morte distruzione, azzeramento e ripartenza. Con tutti gli orrori ma anche le opportunità, per qualcuno, che questo comporta. In Italia, si deciderà delle sorti di un uomo che il buon senso vorrebbe cacciato a calci dal Parlamento e dalla storia senza nessuna possibilità di appellarsi ad alcun cavillo.
Speriamo che in tutti e due i casi si decida per il meglio, che, per una volta nella storia dell'umanità, e non solo nelle favole, il bene vinca sul male e il buon senso sul furbo opportunismo.

4 commenti:

  1. IL PARLAMENTO OGGI
    Da Cittadino neutrale lo paragono al Mercato delle Vacche.
    Da ragazzino andavo a scuola alla Dante Alighieri di Firenze
    Ricordo che in piazza della Signoria tutti i venerdi Sensali e Contadini si incontravano per discutere eventuali compra vendite.
    I Contratti? li sigillavano sputandosi sulla mano prima di stringersela.
    Ciò che ci differenza dal Passato?
    La Mancanza di serietà è il non rispetto della parola data.
    Il Popolo per tutti gli abusi subiti dovrebbe chiedere Giustizia
    Dando vita ad un Tribunale del Popolo che giudichi veramente chi approfitta di cariche Istituzionali per fare i loro Interessi.
    La punizione dovrebbe essere di esempio non depenalizzata Come avviene nei Tribunali che permettono a gli avvocati di menare il can per l’aia sino alla prescrizione del reato. VITTORIO
    PS Siamo un Popolo che nella stragrande maggioranza
    non accetta l'estrazione sociale a qui appartiene
    ma non fa niente per combattere i soprusi che subisce.

    Tante che (i più) si accontentano di poco per essere vincenti.
    L'esempio su ciò che dico? ne prendo uno a caso che va bene per tutti lo Sport io sono nato a Firenze i nati perdenti non scelgono la Fiorentina scelgono le squadre dei ricchi perchè
    di riffa ho di raffa come si dice a Firenze sono le vincenti.
    Cosi fanno anche in politica gira e rigira scelgono chi li sa buggerare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per il commento e per gli spunti

      Elimina
  2. Plaudo all' articolo e all' articolista, non perché la penso similmente, ma perché mostra l' altra faccia della medaglia che non tutti osano vedere, neanche la maggioranza dei giornali, escludendo a priori quelli mediaset.
    Sarebbe un colpo "MORTALE" al paese e alla nostrana scarsa democrazia se si "GRAZIASSE" un pregiudicato e truffatore.
    Ringrazio Napolitano che lo ha escluso dalla nomina a senatore a vita (aureola che odio perché non la concepisco e che viene data a persone che meriterebbero lunga vita, ma che invece gliela accorcia).
    Spero che coloro che votano per il capo del pdl leggano questo post e smettano di ragionare col basso ventre e comincino ad usare quel poco di sale che risuona nel loro cranio.

    RispondiElimina
  3. grazie, ho solo cercato di raccontare le cose

    RispondiElimina